Giornate Europee del Patrimonio 2012 - L’Italia tesoro d’Europa - R@cine - Rete Civica dei Comuni e della Provincia di Ravenna

Skip to main content
Sei in: Home » Cosa succede ne... » Giornate Europee del Patrimonio 2012 - L’Italia tesoro d’Europa
I Comuni e la Provincia

I Comuni e la Provincia

 
 

Giornate Europee del Patrimonio 2012 - L’Italia tesoro d’Europa

 

29-30 settembre | Progetto del Consiglio d’Europa per potenziare e favorire il dialogo e lo scambio in ambito culturale tra i Paesi europei

Giornate Europee del Patrimonio - L’Italia tesoro d’Europa

29-30 settembre 2012

Giornate europee del Patrimonio

L’Italia aderisce, insieme ad altri 49 Stati Europei, alle Giornate Europee del Patrimonio 2012 che avranno luogo nel nostro Paese il 29 e il 30 settembre, con lo slogan “L’Italia tesoro d’Europa”.
 
L’azione congiunta del Consiglio d’Europa e della Commissione europea ha come scopo primario quello di avvicinare i cittadini europei ad una migliore e reciproca comprensione malgrado le differenze di cultura e di lingua, attraverso l’organizzazione di manifestazioni culturali che mettano in luce il saper fare, le tradizioni locali, l’architettura e gli oggetti d’arte, ma anche la presentazione di beni culturali inediti e l’apertura straordinaria di edifici storici.

Si segnalano in particolare: le visite guidate gratuite a diversi siti Unesco di Ravenna (Battistero degli Ariani, Mausoleo di Teodorico, Basilica di Sant’Apollinare in Classe) e all’Area archeologica di Classe; le visite guidate gratuite a TAMO. Tutta l’Avventura del Mosaico  e alla Domus dei Tappeti di Pietra e Cripta Rasponi; i Laboratori per i più piccoli al Museo Natura di Sant’Alberto e l’apertura del Museo del Risorgimento con le tele di Vittorio Emanuele II e Umberto I, recentemente restaurate da parte del Museo d'Arte della città.

Pe il programma delle iniziative sul territorio provinciale vai al sito del Ministero dei beni culturali e scorri la pagina fino a Ravenna

Per saperne di più sul progetto European Heritage Days naviga al sito del Consiglio d'Europa http://www.coe.int/t/dg4/cultureheritage/heritage/EHD/default_en.asp